Persona a bordo di un aereo al tramonto

Hai mai preso un aereo? Se sì avrai certamente notato come, prima del decollo, la hostess dica al microfono “In caso di emergenza si sbloccheranno davanti a voi le maschere dell’ossigeno, prendete la maschera e indossatela immediatamente, coprite naso, bocca e respirate normalmente. Dopo averla indossata potrete aiutare gli altri passeggeri che necessitano di assistenza”.

Tutto questo messaggio, che tanto può farti cagare sotto e presagire scenari catastrofici, e rifletti su cosa ha realmente detto la hostess. Il passaggio che mi piace di questo discorso è il seguente: prima di aiutare gli altri dovresti aiutare te stesso.

Davvero un gesto egoistico?

Forse potrai pensare che questo è un gesto egoistico. In realtà, se pensi che sia davvero il caso di etichettarlo come egoismo, direi di aggiungerci il termine “salutare”. Esiste forse un egoismo salutare? Non saprei dirti di preciso, sicuramente alcuni concetti importanti non sono né egoistici né altruistici.

Se nella tua vita vivessi in uno stato di continuo panico e iperventilazione, credi davvero che potresti essere d’aiuto a qualcun altro? A prescindere da quanto siano buone le tue intenzioni, probabilmente finiresti per combinare solo casini. “Assicurati che la tua maschera sia ben indossata prima di aiutare donne e bambini” è una frase forte, fa capire bene quanto sia importante che tu per primo sia stabile. Perché solo se tu sarai stabile allora potrai aiutare la donna, il bambino, l’anziana signora o la donna incinta.

Tra i modi per aiutare innanzitutto te stesso c’è l’importanza di dire no e di impostare confini. Prima di aiutare gli altri è necessario comprendere bene le tue ferite e soddisfare i tuoi bisogni.

Tieni la maschera ben stretta

E’ così anche nella vita. Prima di aiutare gli altri, devi prenderti del tempo per assicurarti che la maschera sia ben stretta intorno al tuo volto: questo significa avere una sicurezza finanziaria, fisica ma anche e soprattutto mentale, spirituale. Molte di queste conquiste richiedono impegno e sacrificio. Spesso vissuti in solitudine, sulla propria pelle, in maniera anche dolorosa.

Attenzione però: dopo che avrai indossato la maschera, questa sarà ferma e stabile e tu potrai ricominciare a respirare allora diventa quasi un tuo obbligo, un tuo dovere aiutare gli altri a indossare la loro maschera.

Se non devi sentirti in torto nell’etichettarti come “egoista” all’inizio, devi assicurarti di essere umile e altruista dopo.

Ecco perché devi ascoltare i tuoi bisogni, ed essere “egoista”, per cercare di mettere al sicuro te stesso e quindi poi mettere al sicuro gli altri. Perché in fondo, se tu fossi l’unico su un aereo a respirare normalmente, circondato da piloti, hostess e passeggeri tutti incoscienti, ben presto realizzeresti che sì, forse sei lucido e sano, ma a lungo quella rotta ti porterà verso la solitudine e il disastro.

Peace.

Total
2
Shares

Leggi gratis contenuti esclusivi

Iscriviti al blog